Vai al contenuto

castagno_storicaIn un giorno del 1960, dopo che piogge senza posa avevano provocato danni enormi, anche le frane ci si misero ad insidiare le pur robuste massicciate ferroviarie.

La direttissima Bologna - Firenze non fu risparmiata: qualche treno rimase bloccato fra frana e frana, molti treni furono sospesi, altri dirottati. Fra questi, il settebello; i dirigenti di turno lo inoltrarono via Pistoia, sulla gloriosa e ben costruita « Porrettana », ma ad unico binario, con piazzali corti e modesta alimentazione elettrica.

Avvezzo alle grandi velocità ed ai panorami aperti, il settebello saliva lentamente l'erta pendenza del versante toscano, fra strette gole, infilando l'una dopo l'altra le frequenti gallerie che forano gli innumeri speroni montani. Alla progressiva km 53,440, i viaggiatori crucciati, scoprirono la più piccola ed insieme la più giovane fermata: Castagno. ...continua a leggere "La Storia di “Castagno”."

error: NO copy !!